Ibiza misteriosa – Le storie di Davide Traversa

Ibiza. Giugno 2017. Io e Davide proveniamo dalla stessa terra. Ancora prima di conoscerci tramite Facebook, ci siamo intravisti nelle vie della nostra città di origine senza mai parlarci, nemmeno per un saluto.

44461499_2136553423268079_8746087826082234368_n
Gian Luca Marino (a sinistra) con Davide Traversa (a destra) a Ibiza

Come mi dirà Davide «Non era il momento giusto».

Abbiamo atteso Ibiza per conoscerci durante una lunga chiacchierata…

L’appuntamento è per le 9:30 del mattino al Croissant Show, un bistrot molto conosciuto a Ibiza città in via Calle Music Fermi Mari 51, poco prima della salita che porta in Dalt Vila.

Quel giorno, prima di spostarmi da Figueretas verso il centro, ho affittato uno scooter con due caschi che servirà per spostarci a nord est dell’isola alla ricerca dell’eremo della Dea Tanit.

In pochi minuti raggiungo il Croissant Show dove Davide mi aspetta già seduto ai tavolini fuori.

Ci salutiamo; è strano e piacevole stringersi la mano di persona dopo una conoscenza solo virtuale tramite i Social.

Ordiniamo la colazione e iniziamo a parlare di Ibiza. Davide mi racconta la sua storia, come è arrivato a Ibiza, cosa fa sull’isola e cosa faceva prima, qual’è il suo rapporto con la Isla Blanca.

Prendo appunti. Più lo sento parlare e più mi rendo conto del leit motiv che cattura chi decide di vivere a Ibiza: lei attrae, amplifica ciò che già hai dentro e lo porta fuori in modo diretto e concreto.

Ho la riconferma di quello che altre persone mi hanno raccontato: Ibiza ha una energia magnetica molto potente, ti chiama, ti attrae, fa emergere la parte più profonda e viva dell’essere.

Ma attenzione perchè, come mi fa notare Davide con una frase che mi fa riflettere, la Isla amplifica il positivo ma anche il negativo a seconda dello stato d’animo di ogni persona.

Io e Davide ci spostiamo a Dalt Vila raggiungendo lo spiazzo panoramico verso la fortezza da dove si gode una vista magnifica sul porto.

Mentre camminiamo Davide mi racconta la vita quotidiana a Ibiza, i lati positivi che offre ma anche quelli negativi come il problema di trovare alloggi a prezzi ragionevoli.

Il sole inizia a picchiare forte e sono le undici passate.

Decidiamo così di salire sul potente mezzo a disposizione che ho affittato, uno scooter 125 con il imitatore ai 90 all’ora e ci dirigiamo verso nord est sulle tracce della Dea Tanit. Partiamo dalla zona centrale vicina al porto di Ibiza città con uno scooter talmente potente, velocità media di crociera 50 km/h, da consentirci di chiacchierare amabilmente anche per strada con i caschi in testa.

Il tragitto è piacevole, con lo scooter riusciamo ad evitare il traffico che incontriamo uscendo dalla città e percorriamo la strada diretti verso Cala de Sant Vicent dove, poco dopo, si trova la nostra meta.

I colori della terra e della vegetazione di Ibiza ci fanno buona compagnia, attraversiamo Santa Eularia e appena dopo questa cittadina, che apprezzo molto per il suo ordine e tranquillità, Davide mi propone di fare due tappe intermedie per godere la vista della costa da due punti panoramici.

Accetto con piacere il consiglio di Davide e grazie a lui ho il piacere di ammirare: il punto panoramico che si trova tra la spiaggia di Es Figueral e quella di Aguas Blancas e il punto panoramico che punta sulla spiaggia di Sant Vicent.

In entrambi i punti ci fermiamo a passeggiare, a far foto, qualche video e a un certo punto nessuno di noi parla più. Entrambe siamo incantati da quello straordinario panorama tra mare, terra e aria.

Ripartiamo alla ricerca dell’eremo della dea Tanit e lo troviamo. ma questa è un’altra storia…

Dall’interesse e dalla passione mia e di Davide di scoprire i lati più segreti, misteriosi e nascosti di Ibiza nasce il progetto Ibiza misteriosa.

Davide si mette alla ricerca di storie da raccontare: leggendo libri, prendendo appunti, esplorando, intervistando e ascoltando le persone.

Tutte quelle che seguiranno sono le Storie di Davide Traversa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...